November 2018  << >>
 H  K  Sz  Cs  P  Sz  V 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

opera verseny competition logo 2018 web

Tartalomjegyzék

A milánói OperaClick zenei szaklap a Bartók Plusz Operafesztivál 2016 nyitóhangversenyéről, a Bartók-maraton produkcióról és a moszkvai Helikon opera Makropulosz-ügy előadásáról számolt be. A lap újságírója, David Toschi írásai eredeti nyelven olvashatóak.

 

Miskolc - Ungheria: Operafesztivál Bartók Plusz

Il Festival d’Opera di Miskolc, in Ungheria, ha, come suggerisce il titolo Operafesztivál Bartók Plusz, la caratteristica di svilupparsi sull’incardinamento all’estetica musicale di Bèla Bartók.

Compositore che ha dato alla luce una sola opera lirica, Il castello di Barbablù, ogni anno presente nel programma del Festival, Bartók rappresenta in sintesi la cultura diffusa del popolo ungherese, marginalmente ancorata al formalismo viennese dei tempi della monarchia austro-ungarica ma anche tenacemente intenzionata a reclamare le proprie radici e la propria autonomia espressiva attraverso l’affermazione dei caratteri popolari della propria terra.
Così è da intendersi la natura di un Festival musicale che fa quindi dell’appartenenza a una comunità specifica e allo studio e riproposizione delle proprie tradizioni un vero e proprio perno sul quale tutte le scelte artistiche sembrano essere fondate.

Questo faceva Bèla Bartók nel suo passato di pioniere dell’etnomusica e di grande musicista classico, questo ripropone tendenzialmente il Festival di Miskolc a lui intitolato che in questo 2016 ha proposto un nutrito cartellone di “iniziative di strada“, concretizzatesi in palchi per la città dove dal mattino si sono svolti concerti di musiche folkloristiche e popolari con gruppi, cori, orchestre e bande; improvvisi di arie liriche in spazi estemporanei; balletti e performance di vario tipo, dall’opera al jazz, dal pop al latinoamericano, senza soluzione di continuità dal 10 al 19 di giugno.

Miskolc, c’è da dirlo, non è un’esemplare cittadina ungherese dove una visita è d’obbligo e il pellegrinaggio ne fa tappa essenziale. È, Miskolc, cittadina paradigma delle contraddizioni di un Paese che ha da poco ricevuto la sfida del terzo millennio e punta ad affrontarla con l’energia necessaria a cavalcarne le dinamiche senza farsi sopraffare da esse, ma coinvolgendole anzi in un percorso di scambio e integrazione dei diversi patrimoni culturali, in questo caso musicali e drammaturgici.
In questo senso l’energia concreta e propositiva del Festival è elemento prezioso ed estremamente apprezzabile.

Nei primi tre giorni abbiamo assistito, di cui ve ne daremo conto in dettaglio, a un Gala lirico con la preziosa voce di Szonia Joncheva; a una Maratona Bartòk in cui si sono eseguiti i balletti Il mandarino meraviglioso e Il principe di legno e l’opera in un atto Il castello di Barbablù; e all’opera di Leos Janacek L’Affare Makropoulos.

David Toschi

Eredeti cikk » 

 

emmi logo 80px miskolc cimer fel 80px nka csak logo rgb 80px    

Copyright © 2016 Miskolci Operafesztivál Nonprofit Kft. Minden jog fenntartva!  |   Impresszum »  |  Közérdekű információk »Felhasználási feltételek »

↑ Top

facebook